Bianco Capena

Si produce nel Comune di Capena, Fiano Romano, Morlupo, Castelnuovo di Porto. Si ottiene da un uvaggio di Malvasia (Malvasia di Candia, Malvasia laziale, Malvasia toscana), sole o congiunte, per un massimo del 55 per cento, da Trebbiano (Trebbiano toscano, Trebbiano di Romagna, Trebbiano romano), soli o congiunti, per un minimo del 25 per cento. Saldo, sino al 20 per cento, al massimo, tra Bellone e Bonvino.

La resa è di centotrenta quintali per ettaro, con una vinificazione non superiore al 70 per cento. Si ottiene un vino dal colore giallo tenue chiarissimo, paglierìno, con intonazioni verdognole, tendente al dorato.

Il profumo è fruttato, leggermente aromatico, molto gradevole. Il sapore è asciutto, più o meno morbido, sino all'abboccato, appagante, sostanzioso.

La gradazione alcolica minima è di 11,5 gradi, con punte più alte, talvolta leggermente superiori ai 12 gradi. L'acidità minima del 4,5 per mille. Quando raggiunge i 12 gradi può qualificarsi Bianco Capena superiore.

Caratteristiche

Come gustare il vino

È un vino da non invecchiare; va bevuto entro il terzo anno dalla produzione. La sua maturazione la raggiunge sin dal settembre dopo la vendemmia ed è, a questa età, che è nel suo optimum gustativo. Migliora sino al secondo anno, per poi spegnersi rapidamente ed alterarsi nel giro di poco tempo. Ottimo accompagnamento per fritture di verdura, sui piatti di uova, pesce, specialmente se di acqua dolce. Si beve a 10 gradi nei classici bicchieri da bianco fresco.

Visiona tutti i vini nel Lazio.