Cagnina, vino festoso

Si ricava dal vitigno omonimo. Il Cagnina è un vitigno dal peduncolo rosso che produce quantità limitatissime di uva, ma eccezionalmente zuccherina e carica di colore. L'uva del Cagnina viene fatta appassire, ottenendo così poco più di 40-45 litri di mosto per ogni quintale di frutto alla vendemmia. Si ottiene così un vino rosso, dai toni granato, piuttosto cupi. Il profumo è vinoso, intenso, fruttato. Il sapore è dolce, acidulo, con retrogusto particolare, con toni di lampone e altri frutti di sottobosco.

La gradazione alcolica complessiva è di circa 11,5 gradi, di cui 8 gradi in alcol svolto. L'acidità del 6 per mille. È un vino che non vuole essere invecchiato, ma va bevuto entro due anni dalla vendemmia.

Caratteristiche

Cagnina e castagne

Il Cagnina è un vino festoso, un vino da allegre brigate, da serate accanto al fuoco. Il suo sposalizio d'amore è con le castagne arrostite e sulle sfrappole, strisce di pasta zuccherata fritte. In estate il Cagnina è un ingrediente insuperabile per preparare una dissetante sangria, oltre che ingrediente di elezione per servire le fragole fresche. Il nome di Cagnina deriva dal vitigno, la cui uva sembra molto appetita dai cani.

Visiona tutti i vini in Emilia Romagna .