Cannonau di Sardegna

Prodotto sull'intero territorio dell'isola, il Cannonau DOC si sfaccetta in una serie di denominazioni. Sullo sfondo di un Cannonau di Sardegna generico bisogna andare a distinguere quello di Capoferrato, che si produce in provincia di Cagliari nel territorio di Castiadas, Muravera e Villasimius, poi quello di Jerzu, che nasce solo in provincia di Nuoro a Jerzu e Cardedu, quindi quello di Oliena.

Ognuno di questi, inoltre, va distinto in Secco, Amabile, Dolce, Liquoroso e Rosato.

C'è insomma di che scegliere, ma il Cannonau tout court è un vino rosso, vigoroso, importante, secco e adatto a grandi piatti di carne. Fra tutte le coltivazioni isolane è quella che più rispetta la tradizione: alberello, con una densità di 3800 piante per ettaro e un chilogrammo d'uva per ceppo.

La fermentazione avviene in acciaio, mentre l'affinamento in grandi botti di rovere per 8-10 mesi, talvolta anche per un anno.

Caratteristiche

Vino in tavola

Il Cannonau di Sardegna secco va conservato con la bottiglia orizzontale e servito a 20 °C di temperatura su grandi arrosti di carni rosse, selvaggina di piuma e di pelo, specialmente se salsata, formaggi maturi e piccanti.

Visiona tutti i vini in Sardegna.