Cori bianco

Si produce nella stessa zona del Cori rosso, da uve di Malvasia di Candia dal 40 al 60 per cento, Bellone dal 20 al 30 per cento, Trebbiano toscano dal 15 al 25 per cento, Trebbiano giallo (Greco giallo) dal 5 al 10 per cento.

La resa è di centodieci quintali per ettaro, vinificato al 70 per cento. Si ottiene un vino dal colore giallo tenue paglierino. molto scarico, limpidissimo. Il profumo è fruttato, vinoso. Il sapore è asciutto, più o meno morbido, vicino all'amabile, talvolta più o meno dolce. L'alcolicità minima è di 11 gradi con punte, in certe annate straordinarie, fino ai 12 gradi. L'acidità è del 4,5 per mille. È un vino da bersi giovanissimo non oltre due anni dalla vendemmia.

Caratteristiche

Accostamenti gastronomici

Gli accostamenti gastronomici variano a seconda del tipo di vino.

Il tipo secco si serve su antipasti magri, minestre in brodo, pollo bollito con salse di verdura, pesce, piatti di uova, eccetera. L'amabile preferisce zuppe e creme di verdura con besciamella, crostacei, e formaggi saporiti, dove il suo gusto meglio si modula. Il tipo dolce va bene sul dessert. sulla frutta non troppo zuccherina e sulle paste lievitate anche un eccellente vino morbido da fuori pasto, da consumarsi come già detto, molto giovane, per goderne tutta la fragranza. La temperatura di servizio va, dai 10 gradi per il secco ai 12 gradi per il dolce; si usano i bicchieri da vino bianco fresco.

Visiona tutti i vini nel Lazio.