Erbaluce

L'Erbaluce è il più storico dei vini bianchi piemontesi.

L'uva è autoctona e nasce attorno ai laghi di Viverone e di Candia, ai piedi della Serra d'Ivrea. Esistono tre tipi di Erbaluce, tutti classici.

Lo si può avere Secco, nelle versioni tranquillo e Spumante, oppure Passito da uve lasciate sui graticci prima della pigiatura, infine Liquoroso, con aggiunte di alcol previste dalla legge. Se ne ottengono tre vini diversi, che hanno in comune l'inconfondibile radice di un'uva particolarmente ricca.

Caratteristiche

L\'erbaluce a tavola

L'Erbaluce nel tipo normale è un vino bianco secco di buona struttura, che deve essere bevuto giovane e va servito fresco (intorno ai 10°C di temperatura) con piatti di pesce, specialmente di acqua dolce (trota alla mugnaia, tinca al forno e cosi via), e con preparazioni a base di uova.

Il Passito è un ottimo vino da dessert, particolarmente adatto a pasticceria secca e dolci lievitati, ma può accompagnare anche specialità dal sapore delicato, come ad esempio il patè di fegato d'oca o il foie gras naturale. L'Erbaluce Liquoroso può concludere un pasto e accompagnare la conversazione, mentre lo Spumante può essere un elegante aperitivo.

Visiona tutti i vini in Piemonte.