Franciacorta Spumante

La Franciacorta è soprattutto nota per la sua vocazione spumantistica anche se relativamente recente. Le colline fra il Lago d'Iseo e Brescia si sono rivelate l'habitat ideale per le stesse uve che hanno reso grande nel mondo il nome della Champagne.

E tuttavia sul metodo di lavorazione messo a punto dal monaco Dom Perignon che si basa la gran parte dell'economia vitivinicola della Franciacorta. Per questo motivo i produttori locali, forti del rigoroso disciplinare di Denominazione di Origine Controllata e Garantita, sono rimasti fuori dal Consorzio dello Spumante Italiano Talento, preferendo valorizzare il nome della Franciacorta identificandovi caratteri di qualità e di coerenza produttiva unici.

Il Franciacorta Spumante ha tre versioni base: Brut, Extrabrut e Saten. Quest'ultimo, che sostituisce la vecchia qualifica Cremant, è fatto soltanto con uve bianche Chardonnaye Pinot Bianco e ha una pressione in bottiglia leggermente inferiore.

Gradazione alcolica minimo 11,5 gradi, colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, sapore molto fine, fresco, armonico. Invecchiamento un anno dalla sboccatura, in alcuni tipi perfetto per una decina d'anni.

Caratteristiche

Vino da aperitivo

Il Franciacorta Spumante è fra i più eleganti e completi vini da aperitivo italiani e raffinato accompagnatore da tutto pasto su menu dai sapori non invadenti. Va servito fresco, attorno agli 8-10 CC.

Visiona tutti i vini in Lombardia.