Marino

Si produce nei Comuni di Marino, Roma e Castelgandolfo. Si ricava da un uvaggio con Malvasia rossa per un 70 per cento, Trebbiano verde e giallo toscano dal 25 al 55 per cento, Malvasia Punti nata dal 15 al 45 per cento, con un saldo del 10 per cento tra Buonvino e Cacchione. La resa è di centocinquanta quintali per ettaro vinificata al 72 per cento. Si tratta di un vino dal colore giallo chiarissimo, con riflessi verdognoli molto trasparente.

Il profumo è delicato, fruttato, tipico dell'uva matura. Il sapore è secco, più o meno morbido, sino ad un amabile, con un retrogusto leggermente fiorito, aromatico, quasi speziato, ma tenuissimo. L'alcolicità minima raggiunge gli 11,5 gradi con punte raramente superiori ai 12 gradi.

L'acidità minima oscilla tra il 4 ed il 5 per mille. Quando raggiunge una gradazione di almeno 12,5 gradi, può denominarsi vino Marino superiore.

Caratteristiche

Piatti di accompagnamento

E' un vino da non invecchiare. Il tipo superiore può essere consumato entro il terzo anno dalla vendemmia, ma la sua stagionatura non va protratta oltre tale data. Il tipo secco si sposa splendidamente su piatti di pesce, antipasti leggeri, primi con sughi magri: ottimo sugli spaghetti alla carbonara, sulle pizze di ogni tipo, e sui piatti di uova e di verdura. Si serve a 10 gradi nei bicchieri da bianco fresco.

Visiona tutti i vini nel Lazio.