Nebbiolo d\'Alba

Il Nebbiolo è il vitigno che genera tutti i grandi vini dell'Albese e, in questo comprensorio, il vino DOC conserva il nome originario quando è coltivato in zone non tutelate dalle DOCG di Barbaresco e Barolo.

Dei due più illustri fratelli ha tuttavia la stoffa, il corpo, la gradazione. Non è sottoposto ai loro rigorosi invecchiamenti e può essere bevuto giovane, appena trascorso l'anno obbligatorio di maturazione in cantina. I sistemi di coltivazione sono praticamente gli stessi, con una densità di circa 4000 piante per ettaro e una resa di poco inferiore ai due chilogrammi d'uva per pianta.

Dopo la vendemmia, solitamente eseguita nei primi dieci giorni di ottobre, la fermentazione avviene in grandi recipienti di legno, in qualche caso di acciaio inox, e la successiva maturazione sempre in grandi botti di legno oppure in barrique da 225 litri.

Caratteristiche

I sapori del Nebbiolo d\'Alba

Il Nebbiolo, specie quando è giovane, è un vino da tutto pasto ideale su un menu piemontese tradizionale ricco di antipasti come l'insalata di carne cruda all'albese, i salumi contadini, i tomini sott'olio, e con ravioli al sugo di carne, taglierini langaroli al "brucio", coniglio o pollo in tegame, bolliti misti, fritto misto.

Servire a temperatura am¬biente (18-20 °C).

Visiona tutti i vini in Piemonte.