Sangiovese d'Aprilia

Si produce nella stessa zona del Merlot d'Aprilia. Si ricava da uve di Sangiovese per almeno il 95 per cento, con un saldo minimo di altre uve locali.

Il colore è d'un cerasuolo aranciato, talvolta rosato carico, sempre però con toni caldi, molto limpido. Il profumo è fiorito, tenue. Il sapore asciutto, caldo, con un fondo amarognolo appena percettibile e piacevolissimo. L'alcolicità minima è di 12 gradi. L'acidità del 4,5 per mille.

È un vino da non invecchiare, ma da bersi al massimo entro tre anni dalla data di produzione. Anche se chiaro, non è mai scarico come un rosato.

Caratteristiche

Accostamenti gastronomici

Il Sangiovese d'Aprilia è un vino da tutto pasto: tra i primi preferisce gli spaghetti all'amatriciana ed i maccarunni ciociari conditi con fegatini di pollo e pecorino; è anche particolare sulla lingua in agrodolce. Sposalizio d'amore sulle lumache alla romana. Ottimo in sostanza su tutti i piatti di carne ricchi e saporiti. Va servito a temperatura ambiente nei bicchieri da rosso.

D'estate è meglio berlo a temperatura di cantina, cioè tra i 15 ed i 16 gradi.

Visiona tutti i vini nel Lazio.