Vermentino di Gallura

La DOC ha imposto al Vermentino di Gallura regole precise di produzione. Il vino con un minimo di 13° di alcol può fregiarsi della qualifica Superiore. I vigneti dai quali proviene devono essere al di sotto dei 500 metri di quota, con impianti di almeno 3250 piante per ettaro e una resa in uva di tre chilogrammi per ceppo. Esclusa, infine, la possibilità di produrre un Vermentino amabile o uno spumante. Detto questo, il Vermentino di Gallura si presenta sul mercato con caratteristiche sue proprie.

L'area di coltivazione è quella tipica gallurese, con 21 comuni in provincia di Sassari e due in provincia di Nuoro.

Il sistema di impianto è, in parte, il tradizionale ombrello sardo, a pianta bassa per ripararla dal vento, ma nei vigneti più moderni si è iniziato ad adottare la spalliera. Dopo la fermentazione in vasche di acciaio, il vino prosegue l'affinamento in acciaio fino all'imbottigliamento. Determinati produttori preferiscono però passare il vino in legno per un breve periodo.

Caratteristiche

Vino a tavola

Il Vermentino va servito fresco, sui 10° C, con frutti di mare, crostacei grigliati o salsati, pastasciutte o risotti con salse a base di pesce o di vegetali e frutti di mare. È anche un eccellente aperitivo.

Visiona tutti i vini in Sardegna.