Locorotondo

I vigneti della DOC Locorotondo si trovano attorno alla cittadina omonima e nei comuni di Cisternino e Fasano, nel cuore della zona dei trulli. L'adiacente Martina Franca, altrettanto pittoresca e con gli stessi vitigni, ha diritto invece a una DOC tutta sua, ma la sostanza non cambia. Gli impianti sono coltivati ad alberello, la fermentazione e l'affinamento si svolgono in vasche d'acciaio.

Il vino viene imbottigliato nella primavera successiva alla vendemmia. Generalmente dotato di qualche grado in più rispetto al minimo previsto dal disciplinare, il Locorotondo ha buona struttura e personalità e può reggere un paio d'anni senza mutare caratteristiche.

Caratteristiche

Locorondo in tavola

Il Locorotondo (ma in genere tutti i vini bianchi pugliesi) va servito fresco, sui 10°C, entro il secondo anno di età, come aperitivo e per accompagnare piatti regionali di cucina marinara.

Visiona tutti i vini in Puglia.